Crittografia & criptomania ci stan portando via

Negli ultimi mesi, il mondo degli influencer ha attirato Cryptoworld e viceversa. Le agenzie di marketing influenzale, che creano le campagne pubblicitarie per le aziende, si trovano di fronte ad un nuovo genere di marketing, non sempre trasparente, non sempre legale. Infatti, non tutte le società monetarie che stanno dietro ogni criptovaluta agiscono in modo corretto. Ne possono derivare danni per influencers e consumatori. Alcune aziende come la Viral Nation hanno deciso, per sicurezza, di non incoraggiare la promozione di nessun sostenitore di criptovaluta in quanto è molto difficile distinguere le truffe dalle promozioni veritiere. Nonostante ci siano molti addetti ai lavori onesti e legittimi, alcune aziende di marketing influenzale non vogliono rischiare, preferiscono tutelare i propri influencer e il loro pubblico da qualcosa di potenzialmente dannoso escludendolo a monte dal loro modo di operare.

Tuttavia, c’è un numero crescente di influencer su piattaforme come Instagram e YouTube pagati da un paio di centinaia di dollari a decine di migliaia di dollari (se vengono pagati in criptografia) per invogliare ad approvare qualche nuova moneta o offerta iniziale di monete (secondo Barbara Soltysinska CEO di indaHash, una piattaforma tecnologica che collega i marchi con influencer e ha appena completato un ICO, che ha promosso collaborando con una serie di “criptoturisti”).

Non è un fenomeno particolarmente recente – i cripto influenzatori hanno alzato il loro profilo dai maggiori aumenti di prezzo alla fine del 2017 – ma alla luce dei divieti delle società di social media come Facebook, Google e Twitter di annunci che promuovono progetti crittografici meno sofisticati, mostra che la cripto-mania, che è sfuggita di mano ai partecipanti più seri nello spazio, può ancora trovare altri modi per crescere. Il rischio è cadere nelle fregature, per questo è fondamentale informarsi. Quel che può accadere ad un influencer è di perdere la propria reputazione per aver promosso una nuova moneta scadente e priva di valore come un prodotto di grande qualità di altissimo valore. E quel che può accadere ai consumatori è di trovarsi con un pugno di mosche.

“È importante per noi raggiungere gli influencer per dare più spiegazioni”, ha detto Soltysinska, che ha collaborato con canali YouTube come Crypto Love, che ha circa 80.000 follower, Crush Crypto, che ne ha 28.000, e The Cryptoverse, che ne ha 44.000 su 20 caratterizzati da interviste, video e recensioni che coinvolgono principalmente una persona che parla energicamente al computer per un lungo periodo di tempo. “Non è possibile spiegare tante cose in un annuncio di Facebook come in un video di 10 minuti o di un’ora.” Soltysinska ha detto che YouTube è dove “vanno tutti” per le notizie criptate. Ha detto che i canali con un seguito di 50.000 persone sono un grosso problema. E Soltysinska tiene a sottolineare: “È importante menzionare che non influenziamo il contenuto. Vogliamo che facciano video credibili.”

Kevin Ting, fondatore di Bitcoin for Beginners, utilizza il suo canale YouTube per istruire i principianti su come iniziare a navigare in criptovalute. Ma non tutti i cripto di YouTuber sono così concentrati sull’educazione corretta a questo nuovo marketing. Molti sostengono nuove monete e ICO per i pagamenti – la Federal Trade Commission richiede che divulghino la sponsorizzazione – sotto forma di “recensioni”. Ting ha detto che a volte le aziende si rivolgono a lui chiedendo una revisione del loro prodotto o servizio. In genere, negoziano un prezzo in Ethereum o bitcoin. Finora, Kevin Ting ha esaminato monete chiamate VeChain, Electroneum, Iota, Verge e Tron.

Ting ha affermato: “Non dico, ‘questo è buono o cattivo’, non dò una valutazione. Non lo faccio in nessuno dei miei video, sponsorizzato o meno. ” Ting, che ha circa 12 monete diverse, è un hodler, (termine del settore per qualcuno che compra monete e le trattiene a lungo senza molta o nessuna attività di trading) e ha detto che esistono tante monete diverse perché nessuna di esse è perfetta e, creando contenuti educativi, è possibile aiutare chi è seriamente interessato a investire a capire dove apportare miglioramenti o creare funzionalità migliori.

Questo fa parte del problema che alla fine ha portato alla messa al bando degli annunci riguardanti questo settore da parte di altre piattaforme di social media: nonostante la criptovaluta si manifesti quotidianamente nei media mainstream – e non nei titoli legati a un rapimento o scambio di droga – c’è un’enorme mancanza di educazione e comprensione rispetto alla crittografia e poco materiale informativo disponibile per la popolazione generale. Lo spazio non è adeguato, non è pronto alla mania che è legata al fenomeno. La corsa all’oro verso la crittografia è troppo grande per contenere il desiderio delle aziende di promuovere progetti.

Eppure, se fatto bene, in questo tipo di business gli influencer potrebbero avere un ruolo da svolgere destinato proprio a chiudere il vuoto di comprensione a cui abbiamo fatto riferimento fin qui.

In teoria, infatti, se gli influencer sono bravi a ottenere grandi gruppi di persone disponibili a consumare nuovi prodotti, nuove idee, possono sicuramente modificare il modo di vedere e fruire quel che ancora appare come confuso e intimidatorio: la criptovaluta. Gli influencer potrebbero far sì che le persone si fidino e acquisiscano maggiore consapevolezza. La spudorata promozione di progetti scadenti non è sicuramente un bene per l’ecosistema, ma i mercati risolveranno il problema in autonomia, in modo naturale, ha detto Ting. Per fortuna oggi le persone stanno iniziando a diventare più consapevoli dei progetti illegittimi e a muoversi in modo più scaltro all’interno di questo business.

0

Post Correlati

Leave a comment