Perchè il marketing dei microinfluencer è il gioco vincente del 2018

Con oltre 700 milioni di persone che sfogliano i loro feed ogni mese, i prezzi degli influencer hanno raggiunto livelli molto alti. Secondo Forbes, un account con oltre un milione di follower può guadagnare fino a $ 50k per un singolo post sponsorizzato.

I marketer hanno notato tuttavia che una volta che un account supera una certa dimensione, un minor numero di persone si preoccupa di mettere in discussione il valore di un esercito multimilionario di fan. Ottieni più di 100.000 follower e il coinvolgimento inizia a diminuire; gli utenti non sono così desiderosi di interagire con una celebrità come con qualcuno con cui possono relazionarsi più da vicino. Si tratta quindi di essere come la ragazza o il ragazzo della porta accanto, una persona familiare e amichevole di cui ci si può fidare e di cui si conosce o s’indovina una buona parte della vita quotidiana e delle abitudini. Una tendenza emergente, infatti, è entrata nell’arena del marketing e-commerce dal momento che canali di social media come Instagram, Facebook, Twitter e YouTube sono diventati sempre più popolari. La denominazione di questi piccoli influencer è micro-influencer. Si sono stabiliti con successo nel mondo tradizionalmente governato dai Kardashian e alla fine hanno guadagnato più valore per i marketer delle super star.

Perché sono importanti i microinfluencer

Anche se i micro-influencer hanno molti meno abbonati rispetto ai loro celebri colleghi, coinvolgerli nella promozione dei negozi online può essere più proficuo. È stato accertato che la fiducia e lo stretto rapporto con il pubblico sono fondamentali per le decisioni d’ acquisto. Quindi, cosa fa esattamente il micro-influencer per le aziende di e-commerce?

Tre semplici statistiche saranno più eloquenti di cento parole:

  • Impegno superiore del 60%
  • Sottocosto (6,7 volte più conveniente)
  • 22,2% in più di conversazioni settimanali rispetto al consumatore medio.

I tassi di coinvolgimento della campagna del 60% più alti sono guidati da micro-influencer; quelle campagne sono 6,7 volte più efficienti di quelle con influencer più grandi, il che le rende più convenienti; e i micro-influenzatori guidano 22,2 volte più conversazioni settimanali rispetto al consumatore medio.

Poiché sono personalmente investiti e coinvolti nelle loro promozioni, i micro influencer sono fonti fidate di raccomandazioni per i follower.

Solo perché un influencer ha centinaia di migliaia o milioni di follower non significa che la campagna specifica sarà più efficace che se un marketer o un brand lavora con un influencer con meno follower, anzi, spesso potrebbe essere il contrario.

Trasforma i fan sostenitori, in influencer

I migliori tipi di influencer sono quelli che sono già fan del tuo marchio. Quando promuovono prodotti o servizi dal tuo marchio, il messaggio promozionale è più affidabile perché i loro follower sanno che l’influencer ama già i tuoi prodotti. La parte migliore è che non dovrai impegnarti troppo per convincerli a diventare i tuoi sostenitori del marchio.

I micro-influencer raccontano una storia

Se vuoi veramente promuovere il tuo marchio attraverso i micro-influencer, una semplice foto con il tuo prodotto in background non funzionerà. Non puoi scommettere su persone che si godono il post, che notano il tuo prodotto e cercano il tuo brand solo dalle foto di product placement. Affinché il contenuto raggiunga e risuoni realmente con il pubblico di destinazione, l’influencer deve raccontare una storia intorno al marchio o al prodotto.

Esegui una campagna in corso

Una campagna una tantum può essere sufficiente per promuovere un lancio imminente del prodotto o per aumentare le vendite. Ma quando l’obiettivo è promuovere il tuo marchio, avrai bisogno di micro-influencer per una campagna a lungo termine e non mirata ad un prodotto specifico occasionale. Questo è fondamentale perché una campagna in corso garantirà che il pubblico di destinazione utilizzi il maggior contenuto possibile sul tuo marchio.

Sfide del marketing sui micro-influencer

Come ogni tecnica promozionale, una campagna di marketing di micro-influencer può fallire. Attratti dai benefici, i professionisti del marketing possono dimenticare di prestare la dovuta attenzione a possibili insidie.

Prima di tutto, i micro-influenzatori (rilevanti) sono più difficili da trovare. Con sempre più persone che creano e ampliano il loro pubblico nei social media, trovare la giusta influenza per una società di e-commerce diventa fondamentale. Guardare attraverso più account con le dimensioni del pubblico richieste richiede un’enorme quantità di tempo. Qui ci sono diversi modi per facilitare la ricerca:

Inizia con i follower del tuo account aziendale. Scegliere i micro-influencer che conoscono l’azienda online e sono abituati ad acquistare con essa è la tattica migliore. I blogger saranno più ispirati a costruire una partnership, mentre i marketer faranno risparmiare in termini di tempo e fatica per trasmettere un’idea vincente di business. Billy Sixes, un rivenditore australiano di abbigliamento e occhiali da sole online, ha agito in questo modo per lanciare una campagna di micro-influencer. Avendo studiato i suoi follower su Instagram, la nuova start-up compony ha identificato quelli con il seguito richiesto e li ha coinvolti per i tiri e le vetrine dei prodotti attraverso i loro account personali.

Usa gli hashtag.

Le persone usano hashtag per facilitare la ricerca.Perché i professionisti del marketing non approfittano di questa funzione e trovano influenti candidati con contenuti pertinenti? Per rendere la ricerca hashtag più efficace, si dovrebbero restringere i parametri di ricerca. Ad esempio, #vegetarianfood invece di #food più generico farà bollire la lista fino ai candidati più appropriati per un e-shop vegetariano.

Cerca influencer locali. Se un’azienda di e-commerce serve un’area particolare (ad esempio, un servizio di consegna di cibo), vincerà promuovendo tramite blogger locali o hashtag locali, ad es. #downtownLA

Automatizza la ricerca. Fare ricerche manuali può richiedere molto tempo. Strumenti come BuzzSumo, Klear e Ninja Outreach facilitano la prima fase e lasciano ai professionisti del marketing una lista già pronta di possibili micro-influencer.

I micro-influenzatori sono più difficili da lavorare.

Una sola menzione nei social media potrebbe non essere sufficiente per una campagna di marketing efficiente. Con l’obiettivo di aumentare l’esposizione, le aziende devono coinvolgere più micro-influencer. Ciò richiede più ore di lavoro dedicate alla ricerca di sostenitori pertinenti, comunicazione personale con loro e valutazione dei risultati. Ad esempio, lavorare con dieci microinfluenzatori è dieci volte più dispendioso in termini di tempo e di sforzo rispetto al lavoro con un macro-influencer.

C’è un grande vantaggio nella costruzione di relazioni a lungo termine e genuine con questi “sostenitori” che sono rilevanti per il tuo marchio. Anche se ai micro-influenzatori è meglio dare libertà nella creazione di post pubblicitari, le linee guida sviluppate sugli obiettivi di marca e campagna possono consentire agli esperti di marketing di fornire rapidamente l’idea promozionale e trovare un linguaggio comune con i blogger.

1

Post Correlati

Leave a comment